Orientamenti… mentali!

Non riuscirò mai a capire perché ogni volta che tra delle persone viene affrontata la questione sull’omosessualità, il più benpensante del gruppo se ne esca con la frase “Per me è lo stesso, non mi interessano  le preferenze sessuali di una persona“. Benpensante perché il 99,99% delle volte è vera solo la prima parte, cioé “non me ne frega niente” e sottintende anche “problemi” loro.
Problemi?
Ma oltre a ciò, “preferenze sessuali“. Partiamo dal fatto che parole come “preferenza” (nonché “orientamento”) mi sono sempre sembrati tecnicismi piuttosto terrificanti. Pur tuttavia, il ben più becero concept nella mente del benpensante di cui sopra, traduce il tutto alla sola immagine dell’atto sessuale, come se, in altre parole, si scegliesse di essere omosessuali e lesbiche solamente per… ci siamo capiti.

Io sono etero, ma non per questo penso di avere il monopolio delle emozioni umane e che chi sia “diverso” da me non sia in grado di provare le stesse sensazioni, gli stessi sentimenti.
Ancora meno riesco a comprendere chi si pone contro questo aspetto della natura umana sottolineando un attentato ai valori della “famiglia” (e sottolineo natura umana, senza contare gli ignoranti che professano che non esiste in nessun altra specie animale l’omosessualità, ripetendo ciò che in gergo tecnico si chiama “stronzata“).
Ora, sono ben conscio che quando si sparano questi altisonanti proclami, assolutamente non frutto del proprio pensiero critico, un secondo dopo il cervello si chiuda automaticamente nell’autoerotismo da frase fatta, annullando qualsiasi comunicazione verso l’esterno e facendo sentire la persona che l’ha pronunciata come protetto nella “cerchia dei buoni”.

Ma, analizzando appena appena più a fondo la cosa, ci sono almeno due quesiti che mi vengono in mente:

  • come proteggi il valore della famiglia se non dai modo a due persone che si amano di crearne una alla luce del sole e con i diritti che gli spettano?
  • ma di quale famiglia dovremmo parlare allora? Il valore cosa sarebbe, che uno dei coniugi dovrebbe reprimere la propria natura omosessuale e far finta che sia tutto ok? Ma di finte famiglie felici non ne abbiamo già abbastanza, continuiamo a chiudere gli occhi?

A conti fatti, che la disgregazione del mondo familiare sia in pericolo per la presenza di persone che si amano, è una cazzata così enorme che non ha neanche bisogno di commenti.

Io ho avuto la fortuna di crescere in una famiglia felice davvero. Quindi conosco bene qual é il valore di cui si parla, perché lo traduco in fatti, in azioni, in atti di amore senza compromessi. E quindi io so cosa difendere e, senza alcun dubbio, è come anch’io vorrei vedere il mondo (ovviamente per chi sceglie questo importante passo, non è un obbligo e, soprattutto, non è un “merito”).

Proprio per questo, il solo pensiero di limitare una (sana!) libertà altrui, di non permettere a persone che provano dei sentimenti di poterli vivere serenamente e di poterli salvaguardare con dei diritti civili chiari ed equi, bé è un pensiero che a dir poco mi fa venire i brividi. Che ha il sapore di regime, di selezione della razza, di negazione di ciò che è la storia (e la natura) umana, di ignoranza, bigottismo e di menti ottenebrate dal tramonto di quelli che sono i VERI valori da difendere: rispetto, amore, fratellanza, condivisione e tante altre parole importanti ma che spesso vengono applicate in contesti e frasi tutt’altro che espressioni di un fine nobile e sincero.
Al contrario, sono spesso mischiate ad un pericoloso diluente: la paura. Illogica, cresciuta come una serpe in seno ed alimentata costantemente dall’esterno, a piccole gocce.

Usare persone, vite e valori come merce di scambio, questo è il vero pericolo per la società, la famiglia, la persona.

Annunci

(S)Oggetti

Oggi è una giornata fredda, sui vetri delle finestre di camera vedo piccoli frammenti ghiacciati che non sembrano avere intenzione di sciogliersi a breve. Qui non c’è neve come pensavano tutti, piove e il vento già annuncia che anche quest’anno sta arrivando un Marzo che tutto vuole meno che darci un po’ di tregua.
Sto aspettando che mi passino a prendere e nel tentativo di riempire quel tempo non così breve per iniziare a prepararsi né abbastanza lungo per fare qualcosa di costruttivo, tra un aggiornamento facebook e una risposta alle mail accumulate, mi è capitato di guardarmi intorno e di fissare gli oggetti sparsi per la stanza.

A volte gli oggetti sono solo oggetti. Altre volte ci vedi qualcosa di più, ascolti quello che raccontano o gli stati d’animo che rappresentano.

La tazza di té tiepido, il tentativo di sbollire l’ultima serata e rimettere in sesto il bruciore di stomaco.
La (fortunatamente) piccola pila di bollette pagate e non pagate, l’ansia per quelle che stai aspettando.
Una custodia da viaggio per cd e dvd, piena dei film e della musica che preferisco, che ha fatto con me migliaia di km in questi anni.
Una videocamera che spunta al lato del monitor, forse il primo passo nel cambiamento che ho fatto quando ancora non sapevo dove mi avrebbe portato.
Un dvd didattico per chitarra sullo stile di Jimi Hendrix buttato malamente vicino ad amplificatore e chitarra, simbolo del mio rapporto di amore e odio con tutto ciò che è didattico in musica.
La mia chitarra preferita, la mia compagna di anni di speranze, chiusa nella custodia sotto il letto, ne ho quasi timore.
La coperta del letto caduta da un lato e le lenzuola ancora dense di odori che ti ricordano chi sei stato in questa settimana…
Una foto di parenti troppo lontani.
Le scarpette da running ancora nella posizione di quando le ho levate dai piedi senza neanche slacciarle, il senso di libertà, il momento in cui conta davvero stare soli e godersi il mondo dando importanza ad ogni singolo respiro.
Felpe impilate l’una sull’altra che mi ricordano di dover aggiustare il cassetto… la mia difficoltà ad aggiustare le cose.
Un buon libro sul comodino, che prima o poi riaprirò e, forse, terminerò di leggere.
Cacciaviti, soldi sparsi, un numero di telefono, qualche biglietto da visita… è tardi, adesso il tempo è davvero breve.

E io devo decidermi a mettere ordine in questa stanza.

Hendrix